pecché te ne si’ ghiuto?

La poesia di Francesco Limite dedicata all’addio di Spalletti al Napoli è un commovente tributo che intreccia emozioni contrastanti: gratitudine per i successi passati e amarezza per una partenza sentita come prematura. Attraverso il linguaggio ricco e colorito del napoletano, il poeta esprime il profondo legame emotivo che unisce la città di Napoli e i suoi tifosi con l’allenatore, rievocando il senso di appartenenza e di identità che il calcio rappresenta per questa comunità.

 

“pecché te ne si’ ghiuto?” 

Te ne vuò jì? Vattenne,
però nun nc’azzellì filosofanno:
“avimmo ‘a fà felice a ‘sta città,
s’ ’a mmereta ‘sta ggioia, nce l’âmmo ‘a dà”.
E nce ll’hê data e nc’ hê fatte felice,
ma mo nun vide ll’ora e nce lassà!
Tiene paura ca nun te cunfirme,
ca meglio ‘e ‘st’anno nun riesce ‘a ffà?
Te sì’ pentuto d’ ‘a clausola firmata,
e daje ‘e ccolpe â pec ch’è arrivata?
Vaje truvanno ‘o mbruoglio ca t’aiuta,
me vene a mmente Sarri, ato pentuto,
ca comme a te pure se n’è fujuto.
Si overo ll’hê capita ‘sta città,
e nun ll’avante pe nce cuffijà,
rispetto a ‘sti tifose ll’hê ‘a purtà,
nun nce vò niente, sulo ‘a verità:
“’Uagliù, v’ ‘o ggiuro, è stato bello assaje,
si aggio vinciuto, è stato grazie a vvuje,
ma all’età mia se vò sta cu ‘a famiglia,
e ‘a mia, a Nnapule, nun nce pò vvenì.
‘Sta squadra è forte, nun ve preoccupate,
state sicure, nun vene smantellata,
ati successi, certo, ve darrà”.
Se sape, a ‘sta città chi tifa a squadra,
s’annammora ‘e chi veste chesta maglia,
e si ha capito e crede ch’è sincero,
quanno ne parla e chiagne quanno ‘a lassa,
nun se ne scorda, nun s’ o scorda cchiù!
E faciarrà accussì pure cu tte,
passate ‘e nierve, ‘o ppoco ‘e delusione,
ricuordete, però, c’è un’eccezione:
si nziemo a Giuntloi vaje a dd’ ‘a signora,
na cosa ca ‘un se fa dint’ a mez’ora,
nuje tifuse è giusto ca penzammo:
tu ‘stu piattino nc’ ‘o stive priparanno.
E allora basta cu ‘sti paraustielle,
simmo malate ma nun simmo strunze,
da chillu juorne nuje, cchiù, nun t’amammo!

Francesco Limite
Traduzione in lingua italiana: “Perché te ne sei andato?”

Vuoi andartene? Vattene, ma non farlo filosofeggiando: “dobbiamo rendere felice questa città, se lo merita questa gioia, dobbiamo dargliela”. E ci hai dato questa gioia e ci hai reso felici, ma ora non vedi l’ora di lasciarci! Hai paura di non confermarti, che non riuscirai a fare meglio di quest’anno? Ti sei pentito della clausola firmata, e dai la colpa alla sfortuna che è arrivata? Cerca l’inganno che ti aiuta, mi viene in mente Sarri, un altro pentito, che come te, è scappato via. Se hai davvero capito questa città, e non la hai presa in giro, devi rispetto a questi tifosi, non serve niente, solo la verità: “Ragazzi, vi giuro, è stato bellissimo, se ho vinto, è stato grazie a voi, ma alla mia età voglio stare con la famiglia, e la mia, a Napoli, non può venire. Questa squadra è forte, non preoccupatevi, state tranquilli, non sarà smantellata, vi darà altri successi, sicuramente”. Si sa, in questa città che tifa la squadra, si innamora di chi indossa questa maglia, e se ha capito e crede che sia sincero, quando ne parla e piange quando la lascia, non se ne dimentica, non lo dimentica più! E farà così anche con te, dopo le nervosità, un po’ di delusione, ricordate, però, c’è un’eccezione: se insieme a Giuntoli vai dalla signora, una cosa che non si fa in mezz’ora, noi tifosi è giusto che pensiamo: tu questo piattino ce lo stavi preparando. E allora basta con queste scuse, siamo malati ma non siamo stupidi, da quel giorno noi, più, non ti amiamo!

Francesco Limite

Interpretazione

La poesia inizia con una domanda retorica, “Perché te ne sei andato?”, che esprime il senso di abbandono provato dai tifosi. La richiesta di non “filosofeggiare” nella risposta sottolinea il desiderio di sincerità, di una spiegazione che possa dare pace ai tifosi, in contrasto con le giustificazioni che potrebbero sembrare vuote o retoriche.

Segue il riconoscimento dei momenti felici (“E ci hai dato questa gioia e ci hai reso felici”), che dimostra la gratitudine per il lavoro svolto da Spalletti, ma anche la difficoltà di accettare che questi momenti possano essere ormai un ricordo.

Il poeta poi specula sui possibili motivi della partenza, tra cui il timore di non riuscire a ripetere i successi ottenuti o il pentimento per decisioni contrattuali. Questa parte riflette l’incomprensione e la ricerca di spiegazioni di fronte a decisioni che possono sembrare inaspettate o ingiuste.

L’invocazione alla sincerità e alla verità si trasforma in un monologo immaginario dell’allenatore, che esprime gratitudine verso i tifosi e giustifica la sua partenza con il desiderio di stare vicino alla famiglia, una motivazione personale e comprensibile che tuttavia non allevia il dolore della separazione.

Il poeta evidenzia il rapporto speciale tra la città di Napoli, i suoi tifosi e chiunque indossi la maglia della squadra, un legame che va oltre i risultati sportivi e si radica nell’identità culturale e emotiva della comunità.

Infine, la poesia si chiude con una nota di amarezza e delusione, ma anche con la consapevolezza che, nonostante il dolore della separazione, il legame con la squadra e la città rimane indissolubile. La figura retorica del “piattino preparato” simboleggia forse le speranze tradite e le delusioni accumulate, ma anche la capacità di andare avanti, mantenendo vivo l’amore per la squadra.

In sintesi, la poesia è un’espressione potente del senso di comunità e di appartenenza che il calcio, e in particolare il Napoli, rappresenta per i suoi tifosi. Attraverso il dolore per la partenza di Spalletti, emerge la passione indomita per la squadra e la città, un legame che non può essere scalfito da nessuna delusione.