‘O core ‘e Napule: Dialogo tra un gentleman e un guaglione. 

‘O core ‘e Napule: Dialogo tra un gentleman e un guaglione.
Questo è un un possibile dialogo interiore tra l’inglese e il napoletano che convivono nella stessa persona, nel caso specifico, il mio:
Inglese: I say, old chap, che cosa rende Napoli così speciale? Qual è il segreto della vostra joie de vivre?
Napoletano: Guagliò, Napule è ‘na cosa ‘e core, ‘na manera ‘e campà. Nuje tenimme ‘o sole dint’all’anema.
Inglese: Interessante. Quindi dici che il sole non splende solo sul golfo, ma anche dentro l’anima dei napoletani?
Napoletano: E chillo è ‘o punto. Pure quanno ‘a vita è tosta, nuje ce sapimme arapi’ o core e goderce ‘a bellezza d’a vita. ‘A tavula, ma ovunque, addò se trovano dduje napulitane, llà nasce ‘na festa.
Inglese: Capisco. Quindi l’essenza napoletana sta nel saper godere dei piaceri semplici della vita, nello stare insieme con gioia nonostante le difficoltà. Che bella filosofia!
Napoletano: È ‘na cosa ca’ teng int’e vvene. Ma tu ‘o ssaje buono, si’ nato ccà pure tu!
Inglese: Hai ragione, sono nato a Napoli anch’io. E per quanto mi sforzi di essere composto e pragmatico come un gentleman inglese, sento che il calore e la vitalità partenopea scorrono sempre dentro di me.
Napoletano: E allora lassa sta’ tutt’e penziere e vivete ‘a vita, guagliò! Abbracciate, conta nu cunte, cantate ‘na canzona…
Inglese: You are absolutely right, my friend. La vita è troppo breve per non viverla con passione, colore e un pizzico di follia. In fondo, sono un napoletano anch’io!
Napoletano: E allora jammuncenne, c’avimme accummencia’ a campà! Forza Napoli!
Inglese: Hear hear! Viva Napoli e la sua meravigliosa gente. It’s good to be Neapolitan!