Linea 147

Un giorno qualunque di un mese qualunque.  Arriva un momento, sempre di primo mattino, quando il bene e il male ancora devono prepararsi,  in cui senti la città in maniera indicibile, con una limpidezza penosa.

Il suono che arriva dalle strade quando nessuno parla è così acuto. Pensi che ci starebbe bene la predica di un santo azzoppato, così, tanto per rendere il mattino sconvolto ancora più solenne, a scuoterlo finalmente e farlo confessare, o solo piangere.

Tutto purché cessi questo silenzio che sembra annunciare un flagello. La pioggia che cade allontana dalla strada anche i cani. Resto io, la pensilina e il mio dormiveglia.

Arriva il 147, sempre alle sei e quarantotto, spunta dalla piazza lassù, e rotola giù coi suoi fari che spaccano l’alba assonnata. Vuoto, come sempre; me ne vado domandandomi come diavolo fa questa città screanzata a riposare ancora con tutti gli incubi che ha cucito sotto gli occhi.

Nessuno alle prime due fermate, solo io e il conducente il cui viso intuisco  dallo specchietto opaco. Potrebbe avere venti o settant’anni. La collina termina la sua corsa sbattendo il muso sul Museo. Ecco, alla fermata che ora appare, ecco finalmente un uomo. Se ne sta addossato al muro, ad occhi chiusi, a vedere se è poi vero che la notte finisce, come ha letto da qualche parte.

Chissà da quanto è lì, ha uno di quei volti che pare non esser mai stato giovane né innamorato. Sale con me sul 147, gli occhi li apre un poco, giusto per vedere se il giorno è veramente arrivato.

Sorride, rovescia il capo sul sedile e continua a sognare.

Carlo Lettera
Latest posts by Carlo Lettera (see all)

Carlo Lettera

Carlo Lettera

Carlo Lettera, professore e scrittore, nasce a Napoli nel 1980. A 15 anni vince il premio internazionale “Nuove Lettere” e pubblica “Undicesimo grado scala Richter” a cura dell’Istituto Italiano di Cultura di Napoli. Ha curato varie rubriche per la rivista letteraria “Milena Edizioni”. La sua ultima raccolta di liriche dal titolo “A due centimetri” è stata pubblicata nel 2015. Questo la biografia per il mondo, quella manciata di dati che serve ad archiviare un’anima, a tenerla buona in qualche categoria. In realtà non so chi sono, rincorro le linee dell’inchiostro per scoprire se sanno dove sono, in quale nascondiglio. https://www.mondadoristore.it/A-due-centimentri-Carlo-Lettera/eai978886975056/ http://www.rivistamilena.it/2017/05/05/la-fatica-tra-etica-e-illusione/

Ti potrebbe interessare

Seguici anche su Facebook