Le parole del CT Soncin in conferenza

Italia-Bosnia

Sguardo fiero e proiettato in avanti, con sicurezza: Andrea Soncin risponde alle domande dei giornalisti nella prima conferenza stampa di questo raduno, sottolineando come il lavoro parta dal campo ma non si esaurisca sul verde dell’erba: “Le prestazioni delle ragazze dimostrano che si possa fare ancora molto. Voglio solo trasmettere la consapevolezza di poter crescere ancora, sia noi come squadra che tutto il sistema”.

Inizia “un nuovo percorso” per le Azzurre, come lo stesso Ct ha tenuto a sottolineare, scandendo a chiare lettere dall’aula magna di Coverciano. Perché venerdì comincerà per le Azzurre il tragitto che conduce in Svizzera, dove nell’estate 2025 si disputeranno i prossimi campionati europei femminili. Tappa dopo tappa, è un “percorso di crescita continuo” quello delle ragazze di Soncin, che di certo vorranno far valere quanto di buono raccolto nell’ultimo girone di Nations League: il secondo posto dietro solo alle campionesse del mondo in carica della Spagna – comunque sconfitte in casa loro… – e davanti alla Svezia, è valso infatti alle Azzurre un sorteggio da seconde teste di serie per queste qualificazioni.

In un raduno cominciato in un’aria pasquale da domenica, si esordirà nel girone venerdì pomeriggio a Cosenza (calcio d’inizio alle ore 18,15, diretta tv su Rai2) contro i Paesi Bassi; poi martedì 9 aprile la sfida in Finlandia, con l’obiettivo generale di arrivare tra le prime due – in un girone che comprende anche la Norvegia – per staccare il pass per la Svizzera.

“È ovvio che siano determinanti le prime partite, ma non saranno fondamentali: come lo stesso girone di Nations League ci ha insegnato, si deciderà tutto a luglio, con le ultime gare”. Soncin indica la strada alle sue calciatrici, sottolineando come i Paesi Bassi siano “una squadra di assoluto valore. Da parte nostra deve esserci la giusta umiltà, che le ragazze hanno sempre dimostrato di avere. Loro sono una squadra molto verticale, ma siamo consapevoli e convinti di avere tutte le armi a disposizione per colpirle. Ho tante soluzioni a disposizione e in tutti i reparti; posso variare anche sistemi di gioco all’interno della stessa partita”.

Cosenza tornerà a ospitare le Azzurre ventotto anni dopo il successo italiano contro l’Inghilterra nelle qualificazioni agli Europei del ’97: “Il calore che troveremo allo stadio – commenta convinto Soncin – sarà un fattore. Giocheremo in un campo storico come il ‘San Vito-Gigi Marulla’… La Nazionale è di tutti ed è giusto che giri tutto il Paese”. Al momento sono stati emessi oltre 2.000 biglietti.

Vista l’indisponibilità, la calciatrice Annamaria Serturini ha fatto rientro al proprio club di appartenenza. Nel gruppo azzurro è arrivata invece la centrocampista del Sassuolo, Cecilia Prugna.