Il legame tra Napoli e l’Argentina

il legame tra Napoli e l'Argentina

El Clarin, noto giornale argentino, si sofferma sull’intenso legame tra Napoli e l’Argentina. L’articolo è a firma di Miguel Wiñazki.

Napoli e l’Argentina sono uniti da una connessione profonda e appassionata che trascende confini e miti. Nell’articolo viene descritto come la città di Napoli, con la sua energia vulcanica e il suo spirito ribelle, si fonde con l’anima argentina, rappresentata in modo emblematico da Diego Maradona.

UN PROCESSO DI BEATIFICAZIONE

Il giornalista sottolinea come l’entusiasmo e la gioia esplosa a Napoli dopo la vittoria dello Scudetto riporti in primo piano l’affinità tra la città e l’Argentina. Nonostante le controversie e le imperfezioni di Maradona, il suo status di idolo trasgressivo è stato elevato a un livello simile a quello di una figura sacra. Tanto da essere paragonato a San Gennaro. Inoltre, la sua figura si estende anche come politico e pensatore. È una personalità forte, in grado di ribellarsi contro un sistema calcistico e politico obsoleto, corrotto e mediocre. È amato da tutti perché è stato in grado di incarnare la mentalità dei partenopei. Nato nel Sud del pianeta, si sentiva simile ai napoletani, e questa connessione si mantiene viva nel tempo.

E’ come se il Vesuvio avesse riversato la sua lava, Napoli ha detonato in modo fragoroso dopo il campionato e un filo di argento mistico l’ha unita all’Argentina, come in tante altre avventure diverse, come nel ‘Cuore’ dagli Appennini alle Ande. Migliaia e migliaia gridavano ‘Diegooo, Diegooo’, e Maradona, così peccatore in vita, è stato beatificato al di sopra di San Gennaro, tornando a essere campione e nessuno ricorda o vuole ricordare le sue malefatte qui o là perché ‘la liquefazione del sangue di San Gennaro’ si è ripetuta in quel ‘miracolo’ del calcio e della fede, e Maradona è tornato là a Napoli e anche qui, sempre vivo, morto e spettrale.

Il tema del timore, che permea sia l’Argentina che Napoli diventa cruciale. Se da una parte Napoli teme la camorra e il suo impatto sulla società, l’Argentina affronta la violenza, la povertà, l’inflazione e l’incertezza politica che minano il tessuto sociale. Entrambi gli scenari sono caratterizzati da una lotta costante per la sopravvivenza.

IL LEGAME TRA NAPOLI E L’ARGENTINA

Wiñazki riflette anche sul ruolo di Maradona come figura controversa e complessa. Il suo passato turbolento e le sue azioni contraddittorie sono parte integrante della sua storia, che incarna le ombre e la luce dell’Argentina e di Napoli. Il calcio diventa un mezzo di fuga e di espressione per le persone. Un modo per superare le difficoltà e i limiti imposti dalla realtà.

Un legame che va oltre il calcio. È un’esperienza emotiva profonda che coinvolge lo spirito dei due luoghi, una connessione che supera le frontiere geografiche e si riflette nelle sfide quotidiane affrontate dalle persone. È un’affinità che supera le differenze e unisce le persone attraverso le esperienze comuni di lotta, passione e resilienza.

Gli abbracci, le lacrime di stupore e l’esultanza per la vittoria del mondiale nel nome di Maradona, si diffondono in tutto il mondo. Da Napoli a Buenos Aires, un crogiolo di emozioni e sentimenti che fanno vibrare l’anima con la benedizione dall’alto del più grande di tutti i tempi.