Giro delle Fiandre Femminile: vince Elisa Longo Borghini

Freccia Vallone

Giro delle Fiandre Femminile: sventola il tricolore italiano sul podio.

Giro delle Fiandre Femminile è stato caratterizzato dalle condizioni meteo che hanno imperversato lungo tutta la corsa. Una pioggia battente, che non ha dato tregua alle atlete, che contamente bagnate dalla pioggia hanno battagliato dal primo all’ultimo km di gara. Con un clima del genere, è più che di come il maltempo abbia influenzato la  gara, svolgendo un ruolo da protagonista. In tante a terra tra cui Marlen Reusser, uscita con non pochi malanni da questa caduta.

Si infiamma la corsa.

La corsa si è infiammata ai – 50 dall’arrivo, grazie ai numerosi attacchi delle big. Si è quindi formato un drappello con Marianne Vos (Visma-Lease a Bike), Lorena Wiebes (SD Worx-Protime), Letizia Paternoster (Liv-AlUla-Jayco), Karlijn Swinkels (UAE Team ADQ), Puck Pieterse (Fenix-Deceuninck), Elisa Longo Borghini (Lidl-Trek), Silvia Persico (UAE Team ADQ) e Kasia Niewiadoma (Canyon-SRAM) al comando, con all’inseguimento Lotte Kopecky (SD Worx-Protime) e Demi Vollering (SD Worx-Protime) abili a riportarsi sotto in un secondo momento.

L’attacco decisivo.

Shirin van Anrooij (Lidl-Trek) ha provato a sorprendere tutti prima dell’ultima accoppiata Kwaremont-Paterberg ma sull’ultimo muro di giornata si sono portati sull’olandese una scatenata Longo Borghini e la polacca Niewiadoma.  Si è quindi formato un terzetto interessante, che con cambi regolari è facilmente arrivato al traguardo.

Giro delle Fiandre Femminile: la volata finale.

A quel punto le due atleti della Lidl-Trek (Shirin van Anrooij ed Elisa Longo Borghini) hanno potuto sfruttare il gioco di squadra, con la ciclista italiana che non ha avuto difficoltà a battere le altre componenti del gruppo. Quarta Marianne Vos, settima Silvia Persico, nona Letizia Paternoster, in una top-10 a grandi tinte azzurre.

Vince Longo Borghini!

Ad illuminare Oudenaarde è stata proprio Elisa Longo Borghini. La campionessa d’Italia torna alla vittoria nella Ronde, a nove anni dalla prima volta, a cinque dall’ultimo successo del Bel Paese in Belgio.